Perché faccio volontariato nel SIM

Il significato di fare volontariato è semplice: svolgere un’attività di propria volontà, a favore degli altri e senza essere retribuiti. Ma cosa significa davvero fare volontariato? Al di là di questa parola, si cela un mondo di esperienze, emozioni e tantissimi ambiti e situazioni. Da tanti anni sono nel mondo del volontariato e da 11 anni faccio parte dell’associazione Sport Insieme Mendrisiotto: gruppo dedito ad attività sportive con persone con disabilità. Malgrado i tanti impegni fra studi, viaggi, lavoro e famiglia, ho sempre voluto ritagliare attimi di tempo da dedicare agli sportivi del SIM. Dapprima con un impegno settimanale, giornate a tema e vacanze e negli ultimi anni, visto il lavoro a turni, con altri volontari abbiamo dato il via ad un nuovo progetto che consiste in diversi fine settimana di colonia durante l’anno. È un grande impegno che richiede tempo ed energie ma le emozioni che si vivono sono indescrivibili. Passare del tempo insieme, facendo attività sportive e ludiche, rende la quotidianità speciale. La gioia, l’entusiasmo e la passione arricchiscono tutto il gruppo indistintamente. La dedizione e il sano spirito competitivo in tutte le attività proposte, motivano a dare il massimo indipendentemente dal risultato ottenuto. L’importanza del partecipare, del mettersi alla prova e del divertisti insieme supera di gran lunga il risultato finale, che passa in secondo piano. Voglio essere sincera, fare volontariato aiuta certo gli altri, ma anche a livello personale si ha un grande riscontro. Da ogni piccolo momento, in un gioco, in una chiacchierata, in un attimo passato insieme o in un sorriso si ricevono emozioni che non è semplice trovare. Si creano delle relazioni, si cresce insieme, si condividono nuove esperienze e ci si confronta. Grazie alla collaborazione fra volontari si possono organizzare attività e creare nuovi progetti per permettere agli sportivi di provare qualcosa di nuovo, di svagarsi, di evadere dalla routine, di incontrare nuove persone e di mettersi alla prova… e vi assicuro che è una grandissima soddisfazione. Sai che, grazie anche al tuo contributo, hai partecipato alla felicità di alcune persone, hai rallegrato la loro giornata e hai dato loro nuove possibilità. Con il volontariato si dà tanto, ma davvero si riceve moltissimo; è un’espressione che si sente spesso ma che non potrebbe essere più vera; sono dell’idea che se non si prova non si potrà mai capire a fondo. Oltre a fare del bene, ci sono tanti insegnamenti di vita e si comincia a vedere il mondo con altri occhi, con un altro spirito e altri valori. Si riesce a vedere ciò che c’è di positivo nella società d’oggi e che non tutto viene fatto per soldi, per un proprio tornaconto o per raggiungere più potere e successo. Oggigiorno, purtroppo, a parer mio ci sono alcune difficoltà nell’iniziare a fare volontariato: la frenesia e il poco tempo libero che caratterizza la vita e le giornate della maggior parte delle persone, la difficoltà iniziale di cominciare qualcosa di nuovo e sconosciuto e  fare qualcosa non remunerato finanziariamente. So che non è evidente,  ma se volete un consiglio personale, provateci! Ci sono tantissime associazioni e differenti ambiti che necessitano volontari. Non ci si rende davvero conto finché si inizia a far parte di questo mondo meraviglioso. Oltre che a far del bene, è uno stacco dallo stress, dalla quotidianità, è qualcosa per il proprio benessere e per una crescita personale oltre che una fonte inesorabile di emozioni…provare per credere, non ve ne pentirete!

Federica
Monitrice e membro del comitato SIM

Scroll Up